✉ UNA LETTERA AL NARCISISTA N. 82

A Letter to the Narcissist – No. 82.jpg

Miei cari ragazzi Narci,
Ho avuto e ho molti di voi nella mia vita, quindi se avessi deciso di scrivere una lettera a ciascuno di voi, ci sarebbe voluto molto tempo e non ne ho. Inoltre, le mie lettere a tutti voi sarebbero molto simili, perché avete molte cose in comune. Sì, siete tutti diversi, vi comportate tutti in modo diverso, ma io vedo lo stesso tipo di persona che vive dentro di voi. Voglio parlare di quella persona.
1. Dolore emotivo e solitudine.
Voi tutti sapete cosa significa esattamente la Solitudine Interna. Ne siete acutamente consapevoli. Volete disperatamente liberarvene, perché è insopportabile. Come chiunque altro, avete un profondo desiderio di essere amati, accettati e curati. Volete far parte di qualcosa.
Inoltre, considerando i vostri traumi infantili, voi, più di chiunque altro, volete tutte queste cose, ma non potete ottenerle, perché avete paura dell’intimità, che è un punto chiave per ottenerle. Avete paura di dare tutto di voi e poi di essere respinti. Sapete esattamente quanto siete sensibile al dolore Emozionale e sapete che nongli sopravviverete.
Avendo molti di voi, miei cari ragazzi Narci, nella mia anamnesi familiare, porto alcuni dei vostri geni e, per questo, so come si sente anche quel dolore Emotivo. Non è facile descriverlo, ma sembra decisamente un inferno.
Quindi, non mi meraviglio del perché tutti voi dovete proteggervi da quel dolore, e l’unico modo possibile per farlo è vivere in “alla zitta”. Non permettete a una singola anima di avvicinarsi a voi. Non vi fidate di nessuno. Non permettete a voi stessi di essere aperti e vulnerabili. Lo capisco. Non vi giudico. È il vostro meccanismo protettivo naturale.
Ma.
Noi abbiamo un circolo vizioso. Il vostro profondo desiderio di essere amati, accettati e curati entra in conflitto con il vostro meccanismo di protezione.
Miei cari ragazzi Narci, vi rendete conto di quanto sia difficile amare o vivere con una persona costantemente “sorvegliata, sospettosa e ostile”?! No? Quindi, ve lo dico. È totalmente stressante. Alla fine, le persone vi lasciano solo per questo. Le capisco. Non le giudico. È il loro meccanismo di protezione naturale.
2. Mondo di Solitudine e Fantasia.
La vostra solitudine interiore è e viene percepita come insopportabile. Volete qualcuno con cui stare, con cui condividere la vostra vita, a cui appartenere. Ma sapete benissimo che una vicinanza e un’intimità vi rendono vulnerabili ed esposti al dolore Emotivo che voi tutti non riuscite a tollerare.
Avete bisogno e desiderate una persona assolutamente sicura per voi. La persona che non vi lascerà (leggi tradirà) mai. Assolutamente leale. Assolutamente amorevole. Assolutamente premurosa. Assolutamente comprensiva. Assolutamente gentile. Assolutamente…
Quella persona divina non esiste nella vita reale (lui / lei non esiste in linea di principio e alcuni di voi ne sono penosamente consapevoli!), Ma lui / lei esiste nel vostro Mondo Fantastico. Nella vostra mente create la madre, il padre, il fratello, la sorella, l’amico, il partner e l’amante ideali. Quella Persona è quella giusta per voi.
Quella è la vostra metà ideale. Parlate con lui / lei. Ridete entrambi. Entrambi conducete una vita interessante. Entrambi fate cose meravigliose. Fate l’amore. Siete aperti e sinceri. Vi sentite amati e ammirati. Vi sentite al sicuro. Siete liberi e … felici. Quasi il paradiso
Ma.
Quel “paradiso” sarebbe una benedizione per qualcuno che ha una schizofrenia, ma non per voi. Voi avete un ottimo controllo della realtà. Vedete una differenza tra il vostro Mondo Fantastico e la vostra Vita Reale, e questa è una fonte della vostra sofferenza. Volete disperatamente quel “paradiso” nella vostra vita reale, perché pensate che sia l’unico modo possibile per essere felici. Il vostro mondo fantastico, anche se molto piacevole, non è abbastanza. Volete di più. Lo volete reale.
Come?
Per “creare” la vostra Persona Giusta usando una persona reale. Per avere il suo vero amore e lealtà attraverso una dipendenza. Emotiva. Fisica. Finanziaria. Dovete essere molto creativi, molto convincenti, molto seducenti. E sì, dovete sempre controllare la vostra persona, perché lui / lei, invariabilmente, scapperebbe dopo aver capito che tutto era una bugia e un’illusione.
Le sfaccettature del vostro controllo sono molto diversi (dipende): giochi mentali, adulazione, corruzione, intimidazione, restrizione, violenza fisica, ecc. La pedofilia, lo stupro, l’omicidio e il cannibalismo sono le più perverse e ultime sfaccettature del controllo.
Il famigerato Dennis Nilsen ha parlato per ore con i corpi morti delle sue vittime e ha scritto loro un sacco di poesie molto tenere. Quei corpi morti erano i suoi veri e fedeli “amici”. Condividevano la sua solitudine. Non lo hanno mai tradito e non sono mai fuggiti. Non doveva fingere e controllarli. Si sentiva al sicuro e … felice con loro.
Miei cari ragazzi Narci, so che voi non siete pedofili, stupratori, assassini e cannibali nella vita reale. Ma, lo so, tutti voi avete queste fantasie oscure di tanto in tanto. Tutto è possibile nel vostro mondo fantastico. Voi siete i re e le regine lì. Voi siete gli Dei. Siete sempre giovani, sani e ricchi lì. Potete fare tutto ciò che volete lì.
E so quanto sia difficile per tutti voi combattere con voi stessi e non attraversare una linea sottile che divide il vostro Mondo Fantastico e la vostra Vita Reale. Uccidete i vostri vari nemici nella vostra testa e cercate di essere brava gente nella vita reale allo stesso tempo. Non è un modo semplice di vivere, ma lo fate tutti e, considerando la vostra mancanza di empatia, lo fate quasi perfettamente. Avete il mio rispetto per questo.
3. Ricarca di Sensazioni, Invidia e Odio.
Sfortunatamente, sia la cattiva natura che la cattiva educazione hanno contribuito allo sviluppo del vostro tipo di personalità.
Non voglio sovraccaricarvi coi dettagli delle varie anomalie cerebrali chimiche e funzionali, ma quelle anomalie sono reali e molti dati suggeriscono che possono essere quantificati e documentati in modo abbastanza accurato.
Tra le molte cose, tutti voi avete un livello molto alto della “soglia del piacere”. Non è facile rendervi felici, ragazzi. Non siete in grado di estrarre la vostra felicità dalle cose semplici e dagli stimoli (bel tempo, musica, cibo, chiacchiere amichevoli, sesso sano, ecc.).
Questi stimoli non possono raggiungere la vostra “soglia di piacere”. Sono troppo deboli per questo. Necessitate di di più. Molto di piu. Amore pazzo. Dramma. Scandalo. Combattimento. Guerra. Guida imprudente. Alcol. Droga. Porno duro. Avventure discutibili. Qualunque cosa, che possa raggiungere la vostra “soglia”. E non avendo empatia e avendo un basso controllo degli impulsi, voi ragazzi non esitate a ottenere gratificazione immediata. E funziona. Per un breve periodo di tempo.
Senza quella “eccessiva stimolazione” vi sentite vuoti, annoiati, depressi e generalmente infelici. Sapete esattamente quando avete bisogno della prossima “aggiustatina”. Si manifesta come nervosismo, irritabilità, irrequietezza e ansia.
E sapete esattamente cosa succederebbe dopo, se non trovate la vostra “aggiustatina” il prima possibile. Il vostro “mostro” interno, “demone”, “creatura”, o comunque vogliate chiamarlo, vi mangerebbe vivi. Sapete cos’è?
È una specie molto interessante, ma che stranamente funziona, di coscienza Narci. Cerca costantemente e disperatamente di salvare la vostra umanità, di proteggervi, di avvisarvi, di dirvi quanto sono sbagliati i vostri affari. Vi dice che “vede” la differenza tra il vostro sé creato e quello reale.
Più fate affari sbagliati, più grande, più forte e più intimidatorio diventa il vostro “mostro della coscienza” interno. Sentite il suo ruggito inquietante e volete metterlo a tacere. Siete spaventati a morte di ascoltare e ammettere la verità e il vostro vero io.
Come avete potuto far tacere il vostro “mostro”? Beh, dovete distrarvi, cercando di raggiungere la vostra alta “soglia di piacere” e perdervi in questo oblio sollevante, ma malsano. E, molto spesso, i vostri metodi “di distrazione” non sono affatto onorevoli.
Quindi, noi abbiamo un altro circolo vizioso. La vostra coscienza vi costringe a fare cose peggiori per metterla a tacere e poi vi punisce con una forza più intensa.
Ecco perché vi dico sempre: “Miei cari ragazzi Narci, provate, cercate davvero di non fare cose brutte. Non nutrite il vostro “mostro”. Semplicemente non sopravviverete quando verrà il “tempo della verità”. E arriverà. Inevitabilmente. Presto o tardi”. Ma voi (a parte uno di voi) non ascoltate. Non “sentite” me o chiunque altro che vi dice le stesse cose. Il diniego è così dolce …
Ma torniamo in pista. Vedete le persone comuni e vedete come è facile per loro essere felici. La loro “soglia di piacere” è così bassa rispetto alla vostra. Possono trarre la loro felicità da qualsiasi cosa, letteralmente! E se vengono ferite, non devono andare all’estremo per “aggiustare” le loro ferite. Il semplice abbraccio amichevole potrebbe aiutarle, ma non voi.
Voi sapete quanto siete diversi e quanto è difficile per voi essere felice come loro. Ridere come loro. Rilassarvi come loro. Per essere liberi da questo pesante fardello dovete servire i vostri piatti …
Voi le invidiate per quello. Vi sentite inferiori e le odiate per questo. La loro semplice esistenza felice vi insulta profondamente. Volete punirle per quello. Volete mostrare a tutte loro cosa significa essere te. Per vivere come te. Combattere con voi stessi come voi. Prevedere la minima possibilità di essere feriti e fare tutto per impedirlo. Essere costantemente sorvegliati. Sopravvivere.
Quell’Invidia viscerale e l’Odio vi fanno sembrare e agire come veri Demoni. Voi sapete che nel profondo non siete affatto persone cattive. Volete solo vivere in pace, come chiunque altro. Ma, in molti casi, non potete controllare l’Invidia e l’Odio. Non potete indirizzare quelle forze distruttive su qualcosa di benigno e costruttivo. Odiate voi stessi per questo e dirigete quelle forze distruttive contro di voi. Quando raggiungete il “punto di non ritorno”, vi fermate a valutare anche la vostra vita. Niente importa più. Vi arrendete.
4. Mancanza di empatia.
Avendo il dolore Emozionale, l’assoluta Solitudine interiore (isolamento personale) e la bassa “soglia del piacere”, tutti voi cercate di sopravvivere in questo mondo. E la mancanza di empatia rende il vostro soggiorno nella vita assolutamente antisociale.
Potete “leggere” le persone intellettualmente, ma non potete “sentirle”. Non percepite i loro confini, quindi non sapete dove fermarvi. Inoltre, quelle persone sono così nauseabondamente felici, quindi ciò vi fa sentire inferiori, invidiosi e arrabbiati. E questo implica che voi dovete (intenzionalmente o no) sempre ferire le persone intorno a voi.
Ovviamente, se non riuscite a sentire il dolore di qualcuno, non potete sentirlo. Punto.
Ma.
Potete sentire il vostro dolore Emotivo. Voi, miei cari amici Narci, conoscete il dolore più di chiunque altro. Per evitare o smettere di ferire le persone, basta che proiettiate le vostre stesse parole e le vostre azioni su di voi … come vi fa sentire il tradimento? Come vi fa sentire l’umiliazione verbale o fisica? Come vi fa sentire il rifiuto? Come? Voi sapete come.
Non avete bisogno dell’empatia per navigare con successo in questo mondo. Invece voi avete l’Auto-Proiezione. Funziona in modo abbastanza efficace, qualora vogliate avere un controllo sui vostri impulsi distruttivi e non vogliate trovarvi negli ospedali psichiatrici e nelle carceri …
P.S. Non so come finire questa lettera correttamente. Onestamente.
Quindi, miei cari ragazzi Narci, voglio solo esprimere il mio sincero rispetto per i vostri tentativi davvero eroici di vivere una vita decente e pro-sociale nonostante la vostra natura altamente conflittuale. E voglio che voi sappiate, che se volete davvero guarire voi stessi e avere una buona vita, tutto è possibile. In bocca al lupo.
Senza nome

H.G. TUDOR

A Letter to the Narcissist – No. 82

 

 

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi