✉ UNA LETTERA AL NARCISISTA N. 66

A Letter to the Narcissist – No. 66.jpg

Non so cosa dire. Perché, in tutta onestà, io non so chi sei. Ho passato l’ultimo anno ad educare e guarire me stessa dalla mia esperienza con te. È stato incredibilmente doloroso, ma ugualmente ricompensante per guarire dagli abusi. A un certo punto, la mia informazione su ciò che tu sei si è dovuto interrompere e il processo di recupero hanno richiesto tutto il mio interesse.

Ti perdono. Capisco che il tuo disturbo ti spinge a fare le cose che fai, anche se vengono complottate, premeditate, pianificate ed eseguite con la cosciente consapevolezza di ciò che è giusto e sbagliato e la tua comprensione dei tuoi tradimenti e manipolazioni, capisco che non puoi controllarlo. Perciò io non posso giudicare gli afflitti, così come noi non possiamo incolpare gli storpi di essere incapaci di camminare.
Perdono anche me stessa. Sebbene tutto ciò che una vittima deve fare per sopravvivere all’abuso è perdonabile, io ho una responsabilità nel consentire il tuo abuso. Ci sono stati momenti già molto presto in cui sapevo che non mi eri fedele e io, in quanto codipendente classica/da manuale, sono rimasta nella speranza che tu cambiassi. Solo fino a che poco tempo fa ho accettato il tuo disturbo come disadattato. Ho fatto assolutamente tutto il possibile per cambiarlo, e per quell’ignoranza, sono colpevole.
La liberazione del mio risentimento verso di te è dove sono nel mio processo di guarigione, e il perdono mi è necessario per poter andare avanti. Mi sono aggrappata ai risentimenti che vengono dopo essere stati così traditi e per così tanto tempo – dal primo giorno, in realtà. E anche questo l’hai progettato tu. Lasciare qualcuno così profondamente devastato e continuare ad abusare è una manifestazione comune nella fase dello scarto del disturbo. Apprendere di altri tuoi tradimenti dopo la tua dipartita è stato semplicemente l’aggiunta di insulti a ferite profonde. Quindi, ovviamente, guarire da tali abusi, sia durante che dopo, è un’enorme montagna da scalare.
So anche che queste parole non significano niente per te. Il mio perdono, la mia compassione … in termini di te che ricevi questi sentimenti, è irrilevante per te. Capisco che mi hai cancellato dalla tua vita. Queste parole in realtà non sono per te. Sono per me. Hai il mio perdono. Non potrò mai dimenticare, e non lo farò mai. Sicuramente starò il più lontano possibile da te, non importa dove, ma resterò per sempre vigile con confini molto rigidi e una politica di tolleranza zero per il tuo abuso, o il tuo abuso per procura – le persone nella tua vita .
Il recupero dagli abusi mi ha esposto a dei problemi molto reali di codipendenza su cui sto lavorando. Quindi grazie. In un modo un po’ contorto, riprendermi dal tuo abuso mi ha reso una persona migliore di quanto non sia mai stata … e certamente nessuno, o qualcuno del tuo mondo, ha il coraggio di avere il piacere e l’onore di stare nella mia vita. Quindi per favore non ci provare. Abbiamo una storia di minacce reciproche, quindi io interromperò quel ciclo e farò appello al tuo buon senso. Non abbiamo niente da dirci. Tu (chi sei tu) non sei mai veramente esistito nel mio mondo e così, non vi puoi esistere ora. Per favore non tentare di contattarmi in futuro. Quello che avevamo era una sciarada. C’era un gioco mentale di proporzioni epiche da sistemare, e lo sforzo per farlo è stato altrettanto epico. Non abbiamo mai avuto niente prima – non avremo nulla adesso o in futuro.
Io non ho mai avuto te, quindi non c’è perdita. Tu mi avevi davvero, ero devotamente tua. Ed è ciò che hai perso.
Capisco molto di più il tuo tormento e spero davvero che tu trovi la pace.

H.G. TUDOR

A Letter to the Narcissist – No. 66

 

 

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi