✉ UNA LETTERA AL NARCISISTA N. 65

A Letter to the Narcissist – No. 65.jpg

Caro Narcisista,

Mi merito un’ultima comunicazione prima di disimpegnarmi definitivamente.

Ho raggiunto il punto da dove posso guardare indietro alla mia esperienza con te dal punto di vista di un estraneo e vedere con esattezza a cosa mi trovavo di fronte. All’inizio ho incolpato me stessa per ogni cosa successa, perché se non avessi aperto la porta, tu non saresti potuto entrare a devastare la mia vita.

Vedi, ho pensato che il mio rapporto con il mio ex fosse il peggior tipo di abuso possibile. Quindi suppongo che Dio avesse altre lezioni da farmi imparare prima di mandarmi il mio vero marito e ha scelto di usare te. Avevo bisogno di guarire le ferite della mia infanzia e vedere il peggior tipo di abuso che ci fosse per due motivi. In primo luogo, avevo bisogno di perdonare il mio ex per ciò che aveva fatto, perché nonostante l’orrore che ho sofferto con lui, era una cosa istintiva e non lo faceva per ferirmi. Immagino che fosse un narcisista inferiore e che lo avesse fatto per difendersi.

Tu eri una storia diversa. Ti sei preparato dal primo giorno a ferirmi. Hai visto la mia debolezza e vulnerabilità e hai cercato di approfittarne. Non avevo capito che stavi mentendo sin dall’inizio. Lo sentii dalla prima volta in cui ti vidi, ma per qualche motivo non mi fidavo del mio intuito. Mi sono fatta domande su tutte le tue storie sul tuo denaro e sulla tua fama, poiché per qualche strana ragione non ne avevo mai sentito parlare da te prima di incontrarti. I tuoi piani per comprare grandi case e persino una scuola erano la personificazione della generosità. Mi hai anche fatto elaborare un piano per un ristorante che avremmo aperto insieme era il tuo modo di intrappolarmi in un caos finanziario. La mia dipendenza era sempre alta. Pensavo il meglio di te perché è proprio quello che faccio.

Non ce l’ho con me stessa per il fatto di non sapere che esistevano narcisisti che hanno fatto ben più che amare troppo se stessi e mostrare arroganza. Ti assicuro che se non ti avessi spinto a entrare nel mio spazio, non avresti mai avuto il tipo di potere necessario per manipolarmi. Vedi, se fosse stato un combattimento leale, non mi avresti battuto in esso. Io non ti ho mai amato, ho amato chi pensavo che fossi e non ce l’ho con me stessa. Non ci si può incolpare per aver creduto che qualcuno fosse in buona fede. Quelle e-mail e messaggi nell’immediato periodo successivo erano la conseguenza della droga della seduzione di amore / sesso ancora presente nel mio sistema. Quindi mi perdono per quello. Non era altro che crisi di astinenza dal tuo veleno.

All’inizio mi sono ritrovata ad essere gelosa della tua ex / folle ex / fidanzata / socia in affari fino a quando ho capito come la hai svalutata ancor più di quanto tu abbia provato a fare con me. Anche quando guidavi la sua auto e la facevi incavolare, spendevi i suoi soldi e la svalutavi con il sesso a tre, la stavi facendo a pezzi; quindi non sono turbata da ciò che puoi dire di me. Non ti ho dato niente che non ti volessi dare. Il fatto è che per quanto tu ci abbia provato, ne sono uscita senza perdere un centesimo. L’auto che mi hai venduto è un trofeo che mi ricorda che sono uscita e ho imparato preziose lezioni durante il percorso. Ogni volta che la guardo, ricordo quanto sono stata forte a evitare la rovina finanziaria a cui ovviamente tu volevi sottopormi. La mia dignità è ancora intatta, la mia autostima si sta ripristinando e dopo questo io sarò più forte di quanto non fossi prima. Quindi cosa ho perso? Tu hai vinto la battaglia che hai organizzato, ma io ho vinto la vera guerra. Io aumenterò sempre di più la forza mentre tu cadrai sempre più in basso. Quindi, che vantaggio ti ha portato entrare nella mia vita? Il carburante era così potente per te?

A sentir te, le altre tue ex potrebbero guardarti a bocca aperta, e mille donne potrebbero voler dormire con te. Io non sono una di loro, e so che loro non vorrebbero avere niente a che fare con il vero te. Di fatto dopo la seduzione iniziale, dormire con te non era tutto questo granché. Ti trovavo noioso per la maggior parte del tempo. Era troppo lavoro chiedersi con chi eri stato o se avrei contratto un’altra malattia sessualmente trasmissibile. Continuavo a pregare “Signore come faccio a convincere quest’uomo a lasciarmi in pace”. Ho giocato al tuo gioco contro di te. Tu pensavi che ti adorassi e amassi avendoti qui. La maggior parte delle volte era solo la dipendenza malata. La tua presenza era tossica. Ho perso il rispetto per te molto tempo fa quando ho percepito quanto fossi falso. Era troppo; All’inizio incredibile, ma subito dopo disgustoso.

Il tira e molla delle emozioni è normale dopo una fuga / scarto, quindi non provo alcuna vergogna per l’altalena di emozioni che ho provato. Anche l’angoscia è normale, quindi non posso essere arrabbiata con me stessa per aver reagito in un modo normale. Sono consapevole che non è una cosa che puoi capire.

Non mi manchi. All’inizio mi mancavano le attività, fino a quando non mi ricordai di quanto tutto ciò fosse davvero falso e di come l’alto livello di euforia avrebbe finito per gettarmi di nuovo nell’oscurità a chiedermi perché non rispondevi al telefono. Nessun uomo vale tutto questo. Quella falsità non è più attraente per me. Provo pietà per gli empatici ignoranti che non hanno idea di cosa li stia aspettando alla fine della fase di seduzione di amore / sesso, quando il demone arriva a scatenarsi in tutta la sua furia. Provo pietà per coloro che non sono abbastanza illuminati per fuggire o per decifrare il linguaggio in codice e l’ambiguità perché sono stati bombardati d’amore fuori dalla logica comune. Prego che i loro occhi vengano aperti. Provo pietà per la tuo partner co-dipendente che ha bisogno di te quanto tu hai bisogno di lei. Nessuno deve essere così disperato. È la mia motivazione a guarire completamente la mia co-dipendenza, in modo da poter evitare esseri come te. Posso solo immaginare il suo stato d’animo e provo profonda comprensione per lei. Parla di un paradiso dei pazzi.

Quindi, puoi dire quello che vuoi su di me, chiamami pazza, prova a diffamare il mio nome tutto quello che vuoi. Dio conosce la verità e giudicherà. La verità è che tu hai proiettato la tua debolezza e le tue paure su quelli di noi che sono più deboli e più vulnerabili. Quanto ti rende forte quando prendi come prede le persone che sono così deboli da non riuscire nemmeno a difendersi? Sei come una poiana, una specie di vampiro, che banchetta con i cuori morti e mezzi morti di donne abusate. Non un’immagine di forza se me lo chiedi. Ma so che le parole crude forniscono carburante. La tua predica su di me che ti definisco “criminale” e “disonesto”, che è stata la ragione della rottura, era una vera e propria cazzata. A meno che non sia una cosa che costituisce una ferita narcisistica. Oh bene!

Sono abbastanza sicura che non proverai mai a recuperarmi. Quell’ondata di recuperi benigni e triangolazione era una cosa da contemplare. Ma va bene. È servita allo scopo. Non ho mai sentito tante bugie in una sola seduta della mia vita. Pensavi di farmi fessa, ma ti stavo addosso dalla notte in cui ti sei presentato alle 11.45 di sera per sistemarmi la macchina, dopo avermi dato un’ondata di false promesse future. So che tu devi odiarmi, e quella era l’intenzione. Lascia che quella consapevolezza ti tenga lontano da me, perché se solo ti avvicini a me o a ciò che è mio, verrai respinto come un vampiro all’alba. Questa non è una stazione di servizio. Non c’è carburante qui. Trova un’altra pompa di benzina.

Non ha senso che io mi lamenti della ferita che tu hai causato e del dolore causato dalla tua triangolazione e manipolazione dopo la mia fuga. Questo c’è da aspettarselo dai codardi. So che ai tuoi amici la dipingerai che mi hai scaricato. Dirai loro che la mia mente non era a posto. È quello che dici di tutti, anche di tua madre. Le loro opinioni non hanno importanza per me, ma va bene se è quello che devi dire per mantenere il tuo costrutto al posto. Ciò che conta per me è che te ne sei andato. Posso ammettere la mia debolezza e imparare da essa, e questo è qualcosa che tu non sarai mai in grado di fare.

Posso tenere la testa alta e guidare o camminare ovunque in questa zona senza vergogna o paura. Ti ho visto scansarti e nasconderti, aver paura di andare nei negozi e pensare sempre che qualcuno è fuori per prenderti. Questo è sufficiente Karma per me. Io posso essere single per tutto il tempo che voglio senza aver bisogno di nessuno. Io posso vivere confortevolmente e bene senza nessun partner per sostenere un ego debole. Tu non puoi fare lo stesso. Io posso andare nuovamente avanti senza il bagaglio di vergogna e distruzione. Io posso dare e ricevere il amore vero, guarire e andare avanti, perché ho la forza di guardarmi dentro.

Tu non puoi dire lo stesso. Io non devo correre e nascondermi e costruire un muro di menzogne per proteggermi, nonostante io sia “solo una donna”. Chi è il più forte ora? Sono finalmente fuori dalla tua serie di ex che ruoterai per mantenere il tuo fragile falso sé al posto.

Chi è il vincitore ora?

Io cavalco verso il tramonto, libera di pensare, anima e spirito. Mentre tu sei bloccato nella tua gabbia, ti nascondi dietro il costrutto; terrorizzato dalla bestia che infuria dentro di te.

H.G. TUDOR

A Letter to the Narcissist – No. 65

 

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi