👤 PUNGIGLIONE SULLA CODA

190331C Sting in the Tale.jpg

Dopo il pranzo con Lesley l’ho lasciata al tavolo del ristorante con il mio regalo di addio e sono uscito sulla strada. Riflettevo, mentre tornavo in ufficio, che era stato interessante vederla di nuovo dopo la pausa specialmente dopo che pensava di essere riuscita a passarla liscia l’ultima volta con quello che aveva fatto. Dovevo ammettere che aveva un bell’aspetto e come sempre era riuscita a dare una svolta positiva alla sua vita in modo da dare l’impressione di fare bene. Quello era un suo particolare punto di forza. Era piuttosto la maestra della svolta e l’ha fatto a molte persone. Intendo a un sacco di gente. Camminavo lungo la strada trafficata e mi chiedevo quanto poco tempo sarebbe passato prima che avessi avuto sue notizie dopo il mio ultimo colpo da maestro. Guardai il mio telefono un paio di volte mentre camminavo nel caso in cui arrivasse un messaggio o una chiamata da lei, ma finora non c’era nulla. La immaginai seduta al ristorante con la scatola ancora tra le mani, il suo mondo accuratamente fabbricato che andava in frantumi dopo questa cannonata da parte del sottoscritto. Sapevo che non avrebbe reagito con rabbia. Non è mai stato il suo stile. Ha sempre voluto ritrarre l’immagine della piacevolezza, quel bell’aspetto esteriore che mascherava la sua natura molto più oscura. Andava per il mondo mantenendo quell’aria di essere perfettamente pulita quando ho saputo la verità. Dopotutto, non puoi ingannare il maestro dell’inganno vero? È stato così che l’ho fatta esercitare per la prima volta e sono stato l’unico ad averlo fatto, ma l’ho fatto.

Sono tornato nel mio ufficio e ho ascoltato un paio di messaggi telefonici che sembravano urgenti. Ero distratto dalle mie conversazioni con questi clienti mentre stavo aspettando il ritorno di Lesley. Sapevo che ci sarebbe stato. Sapevo com’era e sapevo che non sarebbe stata in grado di fare a meno di reagire. Ha sempre voluto avere l’ultima parola. Ha sempre voluto assicurarsi che tutti la amassero sempre, che avessero un’alta opinione di lei e che il suo aspetto, costruito con cura giorno per giorno, restasse immacolato e intatto. I miei occhi si spostavano avanti e indietro nella mia casella di posta elettronica mentre parlavo al telefono e poi ci fu il lampo di una nuova e-mail che arrivava con il suo nome. Avvertii un’ondata di trepidazione e sollecitai silenziosamente il cliente con cui stavo parlando ad affrettarsi, così potei chiudere la chiamata e aprire l’e-mail. Alla fine la chiamata terminò e io feci clic sull’e-mail pronto a divorarne il contenuto.

“Caro HG

Avevo pensato che avendo accettato di incontrarci a pranzo fosse la prova che mi avevi perdonato e che eri andato avanti, ma ora mi rendo conto di quanto io sia sciocca a pensare che tu possa mai farlo. Avrei dovuto capire che avresti comunque trovato un modo per farmi del male anche dopo tutto questo tempo e tu l’hai fatto, senza dubbio ti stai godendo quella vittoria. Ti piace sempre vincere. Ancora una volta mi dispiace per quello che ho fatto. Pensavo che dal momento che non era stato menzionato a pranzo, l’avessi relegato al passato, ma avrei dovuto capire meglio. Posso solo ripetere che mi dispiace. Tuo fratello mi ha perdonato, perché tu non puoi? Immagino sia per questo che hai fatto quello che hai fatto, per tuo fratello. Voglio solo che tu mi perdoni e mi lasci stare. Questo è tutto ciò che voglio. Non puoi farlo, per favore?

Lesley”

Ho letto di nuovo l’e-mail e mi ha fatto piacere che lei avesse almeno la consapevolezza di capire esattamente perché era stata trattata in questo modo. Mi ero chiesto se avrebbe sostenuto che non aveva fatto nulla di sbagliato. Digitai una risposta.

“Cara Lesley,

Quello che hai fatto a mio fratello è stato imperdonabile e non si può dimenticare.

Questa è la risposta per te.

HG”

Ho inviato l’e-mail e mi sono appoggiato allo schienale della sedia. Mi chiedevo se avrebbe osato avvicinarsi di nuovo al mio raggio traente o se questa volta avrebbe finalmente imparato?

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2019/03/31/sting-in-the-tale/

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi