📢 COME IL NARCISISTA CONSIDERA IL SESSO

180330  📢 How The Narcissist Regards Sex.jpg

Il sesso è uno strumento, è un dispositivo. Il sesso è un meccanismo molto efficace che ci consente di ottenere quella cosa che bramiamo più
di ogni altra cosa: carburante. Noi non associamo il sesso e l’amore come due cose che vanno a braccetto, le consideriamo cose completamente separate. Io so molte cose sul sesso o forse più precisamente, so molto su come le persone considerano il sesso. Quando dico le persone intendo le nostre vittime: persone rispettabili, premurose, oneste ed empatiche. Persone che considerano il sesso come un elemento sano in una relazione d’amore solida. Tu lo vedi come uno strumento di piacere, lo consideri come un mezzo per dimostrare amore stando in intimità con un’altra persona, e lo consideri un barometro per lo stato della tua relazione. Io so, ascoltando altre persone parlare delle loro relazioni, che inizialmente avrai un periodo di
tempo in cui ti piacerà fare sesso regolarmente con il partner che hai scelto. Lo so perché ho chiesto specificamente alle persone che ho
scelto delle loro vite sessuali; non
lo faccio in modo grossolano e invadente, niente affatto, non è il mio stile. Ad esempio, guarderò un film con te e userò ciò che accade in quel film tra i due protagonisti come base per la discussione. Prendiamo ad esempio il film “Cime Tempestose” e con ciò mi riferisco alla versione dei primi anni ’90 interpretato da Ray Fiennes nel ruolo di Heathcliff e Juliette Binoche nel ruolo di Catherine. Quando Catherine morì, in seguito giaceva in una bara aperta a casa sua dopo essere stata sposata con Edgar. Edgar la guarda e anche se ha un chiaro attaccamento per lei, la sua educazione repressa ha come effetto che pianta un bacio sulla fronte di Catherine e poi si ritira. Heathcliff poco dopo questo episodio crolla nella cascina e vedendo Catherine sdraiata lì la afferra sopraffatto dal dolore e la tiene parzialmente sollevata dalla bara tenendola stretta e portando la sua faccia vicino alla sua mentre piange. La sua passione per Catherine è rimasta immutata. Potrei notare nella partner intima con cui ho guardato il film come la sua passione fosse accesa, così in contrasto con il comportamento molto più raffinato di Edgar, e le chiederò se pensa che sia possibile sostenere una passione simile per tanto tempo nei confronti di una sola persona. Ho fatto questa domanda in diverse occasioni e ho ottenuto risposte formulate in modo diverso ma che significano alla stessa cosa. Mi è stato detto che i primi tempi della normale relazione, la passione è visibile a tutti e si manifesta soprattutto attraverso rapporti sessuali regolari ed energici. Dopo del tempo questo fuoco si spegne; la passione c’è sempre, ma a quanto pare diventa qualcosa di molto più profondo e sostanziale; in qualche occasione comparirà, ma molto meno spesso e assieme a questo il lato sessuale di una relazione generalmente diminuisce. Mi è stato detto che è una questione di amore profondo, di compagnia e di affetto, ma l’elemento sessuale assume un ruolo sostanzialmente secondario. Si tratta più di dimostrare amore e impegno; un’espressione di soddisfazione piuttosto che degli accoppiamenti spontanei e pirotecnici che avevano avuto luogo nelle prime fasi della relazione. Questo non è qualcosa che ho sperimentato io. In generale, le risposte che ricevo mi dicono che all’inizio il sesso è eccitante, importante e frequente; può essere sperimentale con nuove cose provate mentre i confini vengono spostati; oltre questo periodo e con l’eccitazione che si attenua, lascia il posto a qualcosa di più significativo e più profondo. Questo mi permette di capire il valore che tu attribuisci all’elemento sessuale di una relazione perché i concetti che ho appena descritto mi sono estranei in termini di sentimento. Non vedo la fase iniziale di saltare nel letto ogni giorno facendolo in undici posti e posizioni differenti come qualcosa che viene fatto perché è eccitante ed entrambe le parti sono state prese da un vortice di desiderio reciproco. Considero quel palcoscenico iniziale solo un mezzo per renderti dipendente da me o per accrescere quella dipendenza dalla nostra specie che è già profondamente radicata in te. L’aumentata passione iniziale di una relazione in cui ci si imbarca in nuove avventure e vengono fatte nuove scoperte su ciò che le persone gradiscono e non gradiscono non è una cosa che riconosco. La vedo solo come un’opportunità per darti quello che vuoi, così tu mi vuoi. Nelle fasi successive non considero il sesso come un’espressione di profondo amore e impegno nei confronti di un’altra persona. Lo vedo come un dispositivo attraverso il quale posso fare tira e molla, manipolarti e controllarti per far sì che tu mi fornisca più carburante. So che il sesso è importante per te e la tua specie, vedo tutti i documentari e i talk show creati per trattare le questioni sessuali tra le persone. Vedo il diluvio della pornografia su Internet, vedo le pop star che girano, le star del cinema che indossano pressoché nulla sul tappeto rosso e hanno performances sessuali nei film, in televisione, nei libri e in spettacoli teatrali perché tu lo consideri così importante. So in base alle mie osservazioni nelle discussioni che lo consideri importante soprattutto perché ti fa sentire amato. Ti permette di dimostrare amore, ti fa sentire bene, ti eccita, ti rende felice e ti fa sentire desiderato. Sono d’accordo che è importante, ma io vedo solo che è importante perché fornisce carburante a me e alla mia specie. Non mi interessa eccitarmi con esso. Sì, un corpo ha le reazioni fisiche al movimento di un altro e si anticipa la prospettiva del delizioso combustibile positivo che mi fornisci mentre elogi la mia tecnica magistrale tra le lenzuola. Non ho bisogno di sentirmi desiderato; Voglio che tu mi desideri perché poi posso continuare ad estrarre carburante da te e quale dispositivo c’è per legarti a me migliore del sesso. Le nostre vittime attribuiscono grande importanza a questa espressione di intimità. Nel tuo mondo, il fatto che devi stare insieme, fare l’amore e poi unirsi insieme con desiderio, soddisfano così tanti bisogni che hai. Gran parte di questo sei stato condizionato ad aspettartelo, sei stato plasmato dalla società per avere una nozione preconcetta di cosa sia l’amore e anche di come il sesso modella quell’amore. Un esempio classico è l’ossessione delle storie con un orgasmo sincronizzato. Io ho avuto numerose partner sessuali e in tutte le volte in cui mi sono unito a loro non c’è mai stata un’occasione in cui siamo arrivati insieme, mai. Eppure i produttori di film, gli scrittori di romanzi rosa, ti faranno credere che questa è una cosa che le persone dovrebbero cercare di ottenere; che è il momento d’oro del sesso. Questo è solo un esempio di come sei stato condizionato a pensare e comportarti quando si tratta di sesso e amore, perché la maggior parte delle volte persone come te hanno fuso le due cose insieme. Anche quando potresti voler essere presa grossolanamente da dietro in cucina, trombata sul tavolo e l’atto è breve, brutale e ruota tutto attorno all’uomo che soddisfa se stesso, tu dirai a te stessa che mi ama perché vuole avermi in quel modo, è ancora attratto per me. Quando vi gettate l’uno nelle braccia dell’altro e fate un sesso lento, sensuale e persistente, dici a te stessa che è perché siete così profondamente innamorati ed entrambi siete completamente avvolti l’uno nell’altro. Fate l’amore in macchina in una piazzola di sosta perché avete avuto l’urgenza di fare l’amore sempre perché avete questo sesso eccitante e istantaneo. La tua specie identifica il sesso inteso come intimità come amore perché è così che siete stati condizionati a pensare. Non avete difficoltà con il concetto di amare qualcuno facendoci sesso, le due cose sono legate insieme e noi lo incoraggiamo nella nostra manipolazione di te. Allo stesso modo sei stato condizionato a credere in un lieto fine. Questo è anche un metodo per indurti a considerare l’amore in un certo modo, proprio allo stesso modo in cui sei stato condizionato a considerare il sesso in un certo modo:

“Un giorno il mio Principe arriverà.”

“Ho bisogno di un cavaliere in armatura splendente che venga a salvarmi.”

“Dov’è il mio Principe Azzurro?”

Questi sono commenti familiari e sorgono tutti a causa del mito che è stato creato e perpetuato. È ben stabilito che la mia specie e io creiamo un’illusione (leggi La Devastazione dell’Illusione su questo blog per ulteriori informazioni). Hai considerato il fatto che ti stiamo semplicemente dando quello che ti aspetti? Stiamo dicendo quello che vuoi sentire, facendo ciò che vuoi vedere e rispettando un preconcetto su come dovrebbero essere le relazioni? Come è stata formulata questa idea? Chi ha creato il concetto di felice per sempre? Sono stati i fratelli Grimm o Hans Christian Andersen con le fiabe che hanno scritto, oppure loro stavano semplicemente verbalizzando qualcosa che era stato tramandato a voce da secoli prima aggiungendo una nuova lucentezza alla fiaba opre-esistente? Forse dovremmo incolpare Hollywood per la sua rappresentazione di come l’amore conquista tutti e l’eroe salva la situazione correndo per aiutare la stereotipata damigella in pericolo. Il numero di film in cui accade questo è ampio. Richard Gere appare nella sua limousine per corteggiare Julia Roberts in Pretty Woman; in Love Actually, Hugh Grant si reca porta a porta alla ricerca della signora del tè Martine McCutcheon e nella Trilogia di Matrix anche l’impressionante ed esuberante Trinity viene magistralmente presa al volo da Neo per impedirle di cadere. In Rear Window, James Stewart salva Grace Kelly; nel singolare Wild At Heart, Nicholas Cage (che interpreta Nicholas Cage) viene in aiuto di Laura Dern in un concerto metal, e chi può dimenticare Shrek dove un orco agisce di fretta per battere il Principe Affascinante di tutto il popolo e si guadagna la mano della principessa Fiona. Sono sicuro che puoi pensare a molti altri esempi. Ci sono migliaia di esempi di questo concetto stilizzato di romanticismo e amore. Alcuni film dedicano l’intera produzione ad esso. Altri hanno un argomento diverso ma rimane il concetto. Luke Skywalker è andato a salvare la Principessa intrappolata nella Morte Nera. Clint Eastwood ha aiutato la giovane donna in Pale Rider e si è innamorata di lui anche se lui l’aveva lasciata (era forse uno dis-impegno del cowboy?) E persino il super narcisista James Bond regala alla Bond Girl il suo angolo di paradiso per alcuni minuti. Ovunque guardi l’idea del romanticismo e il cavaliere in armatura splendente viene rinforzata. Canzoni pop, pubblicità, biglietti di auguri, riviste, giornali, commedie, romanzi e chi più ne ha più ne metta. La colonna sonora aerografata, photoshoppata, travolgente e ogni messaggio dal senso intensificato viene indirizzato verso di te ogni singolo giorno. Là fuori c’è un’eroina (o un eroe) che ti salverà e ti tratterà come un principe (o una principessa).

Questo è il messaggio che sta tutt’attorno a te. Questo è ciò che sei stato addestrato ad aspettarti. Qualcuno salverà la situazione e ti farà innamorare. Tutto andrà bene. Avrai il tuo lieto fine. Si fatica a sorprenderci che tu abbia fatto scorta di questa illusione principale. Chi non lo farebbe? È tutto pervadente e praticamente impossibile da resistervi. Fa appello a quel desiderio radicato di essere accudito e protetto ed è fatto mantenendo un mito secondo cui qualcuno dovrebbe praticamente arrivare su un cavallo bianco, con un’armatura luccicante per tirarti fuori dalle grinfie del mostro malvagio o del cattivo coi baffi.

“Ho bisogno di un eroe” cantava Bonnie Tyler e poi definì i criteri richiesti a cui il suddetto eroe doveva attenersi. Non ricordo che abbia menzionato un reddito fisso, di essere a portata di mano con un pennello e di preparare una buona tazza di tè. Invece lei, insieme a innumerevoli altri, genera un ideale e tu ne hai fatto scorta. Tu vuoi la fiaba. Lo capisco. Perché non dovresti volerla quando tutto intorno a te, ti viene detto che è così che dovrebbe essere. Chi non vorrebbe quella sensazione di essere affascinato, corteggiato e fatto sentire meraviglioso. Inoltre, chi dice che noi non la diamo? Non si può negare che quando arriva la nostra specie, invariabilmente ti prendiamo in un meraviglioso vortice di amore, attenzione e affetto mentre ti risucchiamo dentro un’illusione. Dove sta la colpa? Siamo noi da incolpare per aver creato questo costrutto per attirarti dentro? È colpa tua che ti sei innamorato del mito e hai gettato da parte il buon senso per volere l’alternativa irraggiungibile? La colpa sta altrove? Sono quelli che hanno creato e non mantengono questa illusione? È così. Se sono quelli di quest’ultima categoria che hanno creato questo mostro in cui credi e noi ci limitiamo ad adeguarci, allora la domanda diventa questa. Chi sono loro? Sono della tua specie o della nostra specie?

Io capisco tutto questo. Capisco esattamente cosa sei arrivato ad aspettarti, e in questo modo mi permette di adattare il mio comportamento manipolativo per darti esattamente quello che vuoi. Vedi il sesso come porta d’accesso all’amore e all’intimità; va bene per me, ‘ una posizione che appoggerò. Io non ci credo, non lo sento, ma se mi consente di ingannarti, in mopdo che tu ti innamori di me e mi spruzzi di carburante positivo d’ammirazione, allora crederò a questa illusione e la creerò. Perché non ci credo? Non sono emerso dal tuo stesso mondo? Se questo condizionamento ha avuto luogo e ti ha fatto considerare il sesso e l’amore in un certo modo, allora perché non è stato lo stesso per me e la mia specie? La risposta è perché io sono emerso in un mondo completamente diverso rispetto a te. Nel mio mondo io considero il sesso esclusivamente come un dispositivo. I sentimenti che attribuisci ad esso mi sono stati negati. Sono stato privato di quei sentimenti perché non mi servono a niente. Devo raccogliere carburante, e quindi mi sono evoluto nella migliore forma possibile per raggiungere questo obiettivo. Ciò significa che non tutte le cose che tu associ al sesso, ovvero divertimento, piacere, intimità e amore, valgono per me. Questo potrebbe farti pensare che, dato che è così, allora perché non rimango casto? Perché non mi astengo dal fare sesso? Perché non genera in me la stessa reazione come se non fosse una cosa nuova. È una domanda valida. Tuttavia lo so dall’ascoltare, guardare e chiedere ciò che significa per te, e quindi so che il sesso mi offre un’eccellente opportunità di usarlo per irretirti. So che a offrirti del buon sesso, un sesso appassionato, ossia tutte le cose che sei stato condizionato ad aspettarti, ti innamorerai di me. Mi darai carburante, diventerai dipendente da me e non vorrai mai lasciarmi andare. Io uso il sesso come un’arma. Lo uso per intrappolarti. Generalmente l’atto completo è banale se si osserva l’atto in sé. L’intimità da cui tu trai piacere mi terrorizza, perché io non ho alcun desiderio di avvicinarmi così tanto a qualcuno in quanto non mi servirà a nulla. In realtà il suggerimento dell’intimità mi preoccupa perché questo indica l’atto di aprirsi a qualcun altro, lasciandolo entrare. Io non so come farlo, e inoltre, anche se lo sapessi, non posso farlo. Non posso rischiare di fare un simile passo per il tradimento che sicuramente arriverà come è sempre accaduto, perché potrebbe benissimo distruggermi. Ne traggo ovviamente piacere fisico perché ho una reazione fisica per l’impiego di un corpo contro il mio. Questa stimolazione susciterà in me una reazione fisica che si percepisce piacevole allo stesso modo in cui è piacevole la masturbazione, ma non c’è nulla oltre a questo. Quando arrivo con qualcuno, queste sensazioni che provo sono simili a quelle di quando mi masturbo. Dovresti capire che a livello fisico è tutto ciò che il sesso mi rappresenta. In effetti sto usando le parti del corpo di un’altra persona per masturbarmi. La tua bocca, la tua mano, la tua vagina e anche il tuo ano possono ben essere la mia mano. È un atto meccanico. Le sensazioni fisiche che provo quando sono dentro di te non sono diverse da quando prendo il mio pene in mano e lo accarezzo. Se pensi che ci sia qualcosa di simile alle sensazioni emotive che provi tu quando fai sesso o, se preferisci, fai l’amore, allora sbagli. Non c’è alcun senso di connessione con quella persona, nessun
desiderio profondo, nessun senso di sentirsi profondamente innamorato, NON vengo sollevato su un piano più alto da questo accoppiamento, non mi sento come se il resto del mondo si fosse dissolto lasciando solo io e te, non sento qualche grande connessione spirituale con te. Oh, conosco questi sentimenti perché questo è quello che mi dici, questo è quello che mi dici di provare, e io sono più che contento di ripetere queste frasi a te e alle altre persone. Perché? Perché questo è ciò che volete sentire. Io comunque non li provo. Vi è una reazione fisica al tocco e alle carezze e niente più. Se non fosse per la reazione che ho ottenuto da te e per di più la necessità di quella reazione, fare sesso con un’altra persona sarebbe del tutto inutile. Potrei anche masturbarmi ed essere a posto così se l’unica cosa che ottengo è un’emissione fisica. Comunque, ottengo molto di più dall’atto sessuale o, in alternativa, dalla revoca dello stesso perché vado a ottenere carburante, controllo e potere. So che tu non prendi queste cose perché mi hai detto cos’è il sesso per te e queste parole non sono menzionate. Ottieni soddisfazione, un senso di liberazione, un senso di vicinanza e intimità, una sensazione di sentirti amato, di sentirti bene, cosa completamente diversa da ciò che ottengo io dal sesso. Il sesso con un’altra persona è un atto meccanico; praticamente controlliamo i movimenti come faremmo se ci stessimo masturbando. L’atto in sé non riguarda l’acquisizione di una profonda connessione emotiva tra noi, riguarda me che raggiungo quanto segue:
• ti impressiono con la mia formidabile tecnica
• raccolgo carburante da te, dalla tua ammirazione, dalle tue dichiarazioni d’amore, rendendoti dipendente e assuefatta a me
• metodi di controllo su di te, creando qualcosa che posso in seguito togliere per raccogliere carburante
• creo qualcosa che posso in seguito togliere per controllarti.

Noi semplicemente consideriamo il sesso come un metodo per raggiungere i nostri obiettivi. Se potessimo raggiungere quegli stessi obiettivi dalla cottura della torta al cioccolato, saremmo i primi fornai al mondo di torte al cioccolato. Ci sono ovviamente altri modi per raggiungere i nostri obiettivi, ma pochi o nessuno sono potenti come il sesso. Se fosse l’abbracciare, sarei diventato un campione del mondo di abbracci, se giocare a scacchi con te mi desse gli stessi risultati del sesso, allora sarei un campione di scacchi. Non pensare che il sesso sia speciale per noi nello stesso modo in cui lo è per te. Non è così. È uno strumento, uno strumento altamente efficace che impiegheremo in tutti i modi e in modi diversi per ottenere ciò che vogliamo. È speciale per noi nel senso che ci dà carburante e ci fa sentire potenti, ma è diverso da quello che è per te. Tu sei semplicemente un’aggiunta al processo per raccogliere carburante abbastanza perversamente. Mi è stato detto spesso che quando fai l’amore con me ti senti come se ti fondessi con me e diventassimo una cosa sola. Concordo che stai diventando tutt’uno con me, ti sto assorbendo nel mio mondo, perché tu ora sei il mio apparecchio. Ti ho attaccato a me e stiamo diventando una cosa sola. Fornisci carburante e io lo uso. È un abbinamento perfetto.

H.G. TUDOR

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi