📁 UN NARCISISTA MOLTO HOLLYWOODIANO

80602331_475729836711203_7115745221505187840_n.jpg

Senza dubbio riconoscerete il signor Harvey Weinstein in questa foto mentre emette un chiaro messaggio verso qualcuno fuori dallo scatto. Non avrete potuto fare a meno di notare la marea di accuse contro Weinstein che spaziano tra condotte inappropriate e coinvolgimento in rapporti sessuali con donne attraverso aggressioni sessuali e stupro. Per ora, si sono fatti avanti più di trenta accusatori ma indubbiamente il numero è destinato ad aumentare.

Sembra che Weinstein sia volato con il suo Jet privato da Los Angeles al centro di riabilitazione da 40.000 dollari al mese, The Meadows, in Arizona. I principali media hanno fatto circolare dichiarazioni che riferiscono della sua ricerca di trattamento per dipendenza da sesso, che è un predatore sessuale, che ha abusato del suo considerevole potere come produttore Hollywoodiano ma come sempre manca costantemente una parola: narcisista.

Quindi, cosa dicono di lui i suoi accusatori e come questo si può collegare al fatto che sia un narcisista? L’analisi è basata su cosa gli accusatori affermano come verità (e su questo arriveremo a tempo debito)

L’attrice francese Lea Seydux afferma:

“Stavamo parlando sul divano quando improvvisamente mi è saltato addosso e ha cercato di baciarmi”

“Ho dovuto difendermi. È grande e grosso, quindi ho dovuto essere decisa per resistergli. Sono uscita dalla sua stanza, profondamente disgustata.

“Non avevo paura di lui, comunque. Perché fin dall’inizio sapevo che tipo di uomo fosse.”

Questo comportamento mostra un senso del diritto e nessun rispetto per i confini. Non ha empatia per come una giovane donna potrebbe sentirsi se improvvisamente venisse trattata in questo modo.

L’attrice americana, Heather Graham sostiene che lui abbia provato ad abusare di lei e che le abbia detto che a sua moglie sarebbe andato bene.

“Poteva andare a letto con chiunque volesse quando era fuori città. Me ne sono andata via dall’incontro con una sensazione di disagio.

“Non vi era alcuna menzione esplicita che per essere la protagonista di uno dei suoi film dovevo andare a letto con lui, ma era sottinteso.”

Ancora una volta vi è un grande senso del diritto non solo con miss Graham, ma anche per la percezione di poter andare a letto con chi vuole. Vi è ancora una volta un mancato riconoscimento dei confini e anche una mancanza di responsabilità. Non solo non capisce o non gli importa che ci siano conseguenze per una avance indesiderata, ma va oltre e dice che alla moglie sarebbe andato bene. Nota anche il suggerimento del messaggio sottinteso riferito da miss Graham, che evidenzia la negabilità plausibile in cui ci impegniamo così spesso. Se la Graham si fosse lamentata all’epoca, Weinstein avrebbe ovviamente negato l’accusa sottolineando che era solo la parola di una pazza, aspirante giovane attrice. Indubbiamente lui sarebbe andato oltre rovinandole la carriera, dimostrando così il desiderio di esercitare il controllo su un dispositivo e sul l’applicare la punizione visto che miss Graham sarebbe finita nella lista “nera” per il suo tradimento, anche se Weinstein è l’unico in errore.

La modella e attrice Zoe Brock afferma di essere stata condotta nella camera d’albergo di Weinstein nel sud della Francia nel 1997, con falsi pretesti. Non è chiaro se sia stato Weinstein o un altro a mettere in atto questi falsi pretesti, ma in ogni caso, questo è un ulteriore indicatore del narcisista al lavoro. Sono state dette bugie, è stata messa in atto una manipolazione e queste cose sono state fatte dallo stesso Weinstein o tramite un Luogotenente per conto di lui.

La Brock ha spiegato che Weinstein è uscito fuori nudo da un’altra parte della suite e le ha chiesto un massaggio – ancora una volta nessun riconoscimento dei confini e un senso del diritto, oltre alla solita mancanza di empatia per l’individuo messo in questa situazione.

“Non volevo farlo e mi ha chiesto se poteva farmi un massaggio lui… non sapevo che fare e pensavo che forse lasciandomi toccare un po’ potesse placarlo abbastanza da farmi uscire di lì in qualche modo”

Poco tempo dopo, miss Brock fuggì nel bagno. Lui batté sulla porta con i pugni prima di ritirarsi, indossare una vestaglia e iniziare a piangere.

Quando la Brock è fuggita, è stato un atto che ha ferito Weinstein. Il fatto che lei fosse scappata da lui gli ha segnalato che lui non era importante, che il suo controllo non era assoluto e questo lo ha ferito. La sua reazione iniziale è stata di furia accesa mentre batteva con forza i pugni sulla porta, ma chiaramente non ha ottenuto alcuna risposta da Miss Brock e, cosa più importante, niente carburante e ha anche ferito ulteriormente Weinstein. È stato costretto a ritirarsi, e con i livelli di carburante impoveriti dalla ferita e con la mancanza di ulteriori apparecchi per rifornirsi. Pertanto, il ritiro era la sua unica opzione. Destabilizzato dal crollo dei livelli di carburante e dalla possibilità di ulteriori ferite, il suo meccanismo di autodifesa si è spostato e ha cominciato a piangere. Stava piangendo per se stesso come conseguenza del costrutto che ora stava iniziando a crollare e anche come un gioco di pietà nella speranza che ciò portasse Miss Brock ad essere comprensiva e a fornirgli quindi carburante.

Il primo contatto dell’attrice e regista italiana Asia Argento con la Miramax di Weinstein fu quando apparve nel film poliziesco “B Monkey”. Lei dice che venne lasciata sola con lui in una camera d’albergo sulla Costa Azzurra dopo che le era stato detto che sarebbe andata ad un party della Miramax. La Argento dice che accettò con riluttanza di fargli un massaggio, ma che poi lui l’ha violentata.

Weinstein “mi ha terrorizzata, ed era così grosso”, ha detto. “Non si fermava. È stato un incubo.”

“So che ha distrutto molte persone prima di me. Ecco perché questa storia- nel mio caso, 20 anni fa, ma ce ne sono di più vecchie – non è mai uscita.”

La Argento non ne ha parlato fino ad ora, dicendo che temeva che se l’avesse fatto lui le avrebbe rovinato la carriera.

Ancora una volta vi è il senso del diritto, la mancanza di riconoscimento dei confini, la mancanza di empatia, la manipolazione, le bugie sulle vere intenzioni e la minaccia di ripercussioni. Si noti che la Argento riferisce di essere consapevole che lui ha distrutto molte persone in precedenza, quindi non solo questo comportamento era sistematico (supportato in seguito dalle molte rivelazioni che ora stanno venendo fuori) ma dimostra anche il controllo che Weinstein esercitava sulle persone, e come sapete, il controllo su tutto è una cosa che noi dobbiamo avere.

Mira Sorvino è apparsa in diversi film di Weinstein e ha detto che lui l’ha molestata sessualmente e che ha tentato di costringerla ad avere un rapporto fisico.

Era con lui in una stanza d’albergo al Toronto International Film Festival nel 1995. La Sorvino ha spiegato che:

“Ha iniziato a massaggiarmi le spalle, il che mi ha messo molto a disagio, e poi ha cercato di diventare più fisico, in un certo senso mi dava la caccia.”

Settimane dopo, lei lo accusa di essersi presentato al suo appartamento con la scusa di avere idee di marketing per il film.

“Ho aperto la porta terrorizzata, brandendo il mio Chihuahua di 10 chili davanti a me, come se servisse a qualcosa.”

Ha detto a Weinstein che il suo nuovo fidanzato era nei paraggi, dopo di che lui a quanto pare si è scoraggiato e se n’è andato.

Ancora una volta vi è il senso del diritto, la mancanza di riconoscimento dei confini, la mancanza di empatia per come quel comportamento può far sentire la vittima, una mancanza di responsabilità per le sue azioni, manipolazione e menzogna. Il commento della Sorvino sul fatto che il suo nuovo fidanzato fosse nei paraggi ha ferito Weinstein in quanto non solo lei lo respingeva, ma aveva preferito qualcun altro. Un Narcisista Superiore, pur ferito da un simile commento, avrebbe tenuto sotto controllo la sua furia accesa e avrebbe insistito a prescindere, fiducioso nella sua capacità di incantare e obbligare a raggiungere il risultato desiderato. Weinstein, invece, è stato ferito e ha chiaramente previsto ulteriori ferite. Il suo abbattimento è stato un tentativo di ottenere simpatia da Miss Sorvino, di ottenere carburante per curare la sua ferita, ma è fallito e quindi lui è stato nuovamente costretto a ritirarsi.

L’entità delle accuse copre non solo le attrici ma anche coloro che hanno lavorato nei vari settori della sua compagnia.

Varie impiegate della società cinematografica di Weinstein hanno riportato le loro spiacevoli esperienze con Weinstein, inclusa Emily Nestor, la quale ha un assistente temporaneo alla reception che ha spiegato che lei ha dovuto rifiutare le avances di Weinstein almeno una dozzina di volte. Ciò evidenzia il suo senso di onnipotenza e potere, tutte sono disponibili per lui ed evidenzia la sua grandiosità: lui può scegliere chi vuole e loro dovrebbero fargli ciò che vuole, altrimenti verranno punite.

Weinsten appartiene chiaramente al quadro somatico dato che il suo modus operandi per ottenere carburante ed esercitare controllo sugli apparecchi avviene attraverso avances sessuali. Naturalmente, questo sarà mascherato dal fatto che lui è dipendente dal sesso ma manca il punto fondamentale. Sì, è dipendente ma è dipendente dal carburante (proprio come lo sono tutti quelli della nostra specie) e usa il sesso come metodo principale per ottenere questo carburante. Naturalmente Weinstein avrà attinto carburante durante le feste sontuose che organizzava, alle cerimonie glamour a cui partecipava, crogiolandosi negli applausi e nell’adulazione delle fonti terziarie e dalle Fonti Secondarie Non Intime (amici, familiari e colleghi) ma voleva il carburante più potente da quelle che ha cercato di rendere sue Fonti Secondarie Intime. Aveva sua moglie come Fonte Primaria Intima ma attraverso questi vari atti di infedeltà veniva svalutata e non sappiamo quale altro comportamento ha dovuto sopportare – forse verrà fuori col tempo.

I soldi, il glamour, le feste, la gente bellissima ecc tutto rientra nel fatto che Weinstein appartenga al quadro somatico. Non è in ogni caso un uomo fisicamente attraente, sovrappeso, fuori forma, piccoli occhi da maialino e una faccia che si addirebbe a qualcuno che ha perso un incontro di boxe ma certamente per alcuni somatici questi difetti non sono un problema. In primo luogo, la natura delirante del suo narcisismo gli avrà detto che era un adone e irresistibile per queste persone e dato che accumulava sempre più vittime, questo rafforzava la sua idea di essere una specie di calamita per le donne. In secondo luogo, aveva la sua natura manipolatrice e il potere di creare o spezzare la carriera delle persone come una forza estremamente influente per assicurarsi di raggiungere quasi sempre i propri obiettivi. Uno non deve avere l’aspetto di Brad Pitt per essere del quadro somatico.

Quindi, le prove fornite dai suoi accusatori (e ce ne sono molte altre sulla stessa linea di quelle descritte sopra) sono tutte a sostegno del fatto che lui è un narcisista. Ma cosa ha da dire Weinstein in questa fase iniziale riguardo a queste accuse?

Innanzitutto, vediamo la dichiarazione rilasciata per suo conto:

La portavoce di Weinstein, Sallie Hofmeister, ha rilasciato una dichiarazione in risposta alle accuse di molestie e aggressioni sessuali. Ha dichiarato,

“Ogni accusa di sesso non consensuale è inequivocabilmente smentita da Mister Weinstein” ha detto. “Mister Weinstein ha inoltre confermato che non vi sono mai stati atti di ritorsione contro le donne per aver rifiutato le sue avances.

“Mister Weinstein ovviamente non può rispondere alle accuse anonime, ma per quanto riguarda tutte le donne che hanno presentato accuse in via ufficiale, Mister Weinstein ritiene che ognuna di queste relazioni fosse consensuale. Mister Weinstein ha iniziato la terapia, ha ascoltato la comunità e sta seguendo un cammino migliore.”

Cosa ci dice questo? La cosa più significativa è l’ammissione che Weinstein crede che tutti questi rapporti siano consensuali. Questo è degno di nota per due ragioni. Primo, non nega che i rapporti ci siano stati, quindi è molto probabile che stia ammettendo atti di infedeltà durante il primo o entrambi i suoi matrimoni. Ciò evidenzia una mancanza di empatia per l’ex moglie e per quella che presto sarà la ex moglie. Inoltre ancora una volta mostra il suo senso del diritto. In secondo luogo, un lettore non informato potrebbe notare l’uso della parola “crede” e pensare “oh sicuramente lui credeva che fossero consensuali” con una scossa di capo di incredulità, ma qua sta il punto; Weinsten, dalla sua prospettiva narcisistica avrà creduto che fossero consensuali perché ogni cosa che vuole gli è dovuta, no significa sì e che lui deve controllare tutto. Nessuna lo rifiuta.

La sua portavoce naturalmente ha negato ogni intento criminale da parte sua e come ha detto Mandy Rice Davis nello Scandalo Profumo “beh, lui lo diceva, no?”. Ma non si tratta solo di un’attenta gestione dei suoi consiglieri, Weinstein crederà di non aver fatto nulla di sbagliato perché nel suo mondo è privo di responsabilità.

La frase finale è la tipica deflessione e molto sullo stampo di Ma Io Posso Cambiare dato che la gente è portata a considerarlo un’anima perduta e distrutta che ha bisogno di una guida e di terapia. È solo gestione della facciata.

Ad ogni modo, questo è quello che ha detto per suo conto la sua portavoce accuratamente gestita dal palcoscenico, come ha reagito Mister Weinstein dopo l’esplosione di queste rivelazioni?

Mentre usciva da casa di sua figlia per salire su un veicolo che lo portava via, presumibilmente sul jet privato che lo aspettava, è stato riferito che ha dichiarato

“E sapete, sono stato sempre leale con voi ragazzi, non come quei fottuti coglioni che vi trattano come merda. Io sono stato il bravo ragazzo”

Questa frase racchiude in sé gran parte del suo narcisismo, è estremamente interessante.

1.  Sono sempre stato leale con voi ragazzi- è convinto di essere una brava persona e sta anche cercando simpatia con questo commento, ulteriore prova del suo pensiero delirante e del suo puntare al carburante;
2. Non come quei “fottuti coglioni” che vi trattano come merda – deflessione scagliandosi contro altre persone, provocazione verso gli innominati “coglioni”;
3.  Senso di vittimismo – io qui sono il bravo ragazzo che è sempre stato buono con voi e guardate come vengo trattato ora.
4.  “Io sono stato il bravo ragazzo”- come al solito la facciata fatica a restare in piedi e l’ossessione di essere visto come una brava persona continua
5.  Senso del diritto – Sono stato leale con voi e ora che è il momento del mio bisogno farete meglio a sostenermi.
6.  Senso di tradimento – che si riferisce a come lo stanno diffamando.

La foto che correda questo articolo mostra Weinstein che mostra il dito con entrambe le mani quando si reca nell’ufficio del suo avvocato. Difficile che si tratti del comportamento di un individuo contrito che “ha ascoltato la comunità e sta seguendo un cammino migliore”. No, in questo frangente era un narcisista che veniva alimentato (aveva diversi sostenitori con lui quando la foto è stata scattata) e senza dubbio quando si è confrontato con un branco di giornalisti c’era Carburante di Sfida, quindi Weinstein si sentiva alimentato e sicuro di sé, ma bisognoso di affermare la sua superiorità percepita, ha compiuto un atto provocatorio al fine di attingere più carburante da coloro che osservavano e di affermare la sua presunta superiorità.

Mentre era a casa di sua figlia sembra che lei abbia telefonato alla polizia preoccupata che il padre aveva tendenze suicide. Le ferite ripetute che percepiva mentre gli venivano mosse accuse su accuse, da persone che considerava leali e sotto il suo controllo, aveva fatto buchi nel suo costrutto e lo avevano fatto sentire disperato, come se il suo mondo gli stesse letteralmente crollando addosso. Aggiungetevi la condanna da parte degli altri membri del settore, il fatto che la BAFTA abbia sospeso la sua associazione e l’Accademia delle Arti e delle Scienze Cinematografiche stesse riconsiderando il suo ruolo e condannando il suo comportamento, e Mister Weinstein stava affrontando enormi ferite. Piuttosto ironicamente, persino Hillary Clinton dichiarò che i fondi che Weinstein aveva donato per la sua campagna presidenziale sarebbero invece stati donati in beneficenza. Ancora una volta, quelli che fanno parte dei nostri fratelli badano solo a sé.

Non c’è da meravigliarsi che abbia avuto voglia di suicidarsi e sia stato descritto come in preda a un collasso. Affamato di carburante dato che gli apparecchi fino ad ora ritenuti affidabili avevano chiuso la fornitura di carburante quando gli avevano voltato le spalle, è stato anche ripetutamente ferito, non c’è da stupirsi che abbia commentato

“Ragazzi, non me la cavo BENE ma ci sto provando. Devo avere aiuto. Sto tenendo duro, sto cercando di fare del mio meglio.”

Per una volta una frase onesta nei termini di non stare bene, ma ancora una volta subentra il suo meccanismo di autodifesa narcisistica dato che dice di aver bisogno di aiuto, che sta “tenendo duro” (che piccolo soldato coraggioso eh?) e che stava “cercando di fare del suo meglio” quindi naturalmente, sentitevi dispiaciuti per l’uomo, dategli tregua, ha capito di aver fatto degli errori e sta provando a migliorarsi.

No, non è così.

Vi sono voci che quando Weinstein si è incontrato con i dirigenti della compagnia cinematografica prima di essere licenziato, ha dichiarato di voler andare a fare una pesante terapia e una consulenza per poi ritornare. Questo è ciò che conta per Weinstein; sé stesso. Non ha intenzione di andare in terapia per diventare una persona migliore, lo fa perché ha abbastanza consapevolezza (e senza dubbio opportunamente consigliato) del fatto che questo è ciò che dovrebbe fare. Lo fa per la gestione della facciata. Lo fa per attingere carburante come parte di un enorme Gioco di Pietà, ma soprattutto lo fa solo nella speranza di poter inscenare un ritorno. Ecco ciò che è cruciale in questo recente comportamento.

I dirigenti non sono stati convinti e hanno rifiutato la sua richiesta.

C’è così tanto materiale che è emerso e sta emergendo a supporto del fatto che Weinstein è uno di noim che merita un libro. Comunque, l’accusa più schiacciante nei suoi confronti e quella che conferma ciò che è, è la sua assoluta mancanza di empatia.

Ha detto che gli dispiace? Si è scusato? Si è mai pentito?

No.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2017/10/12/a-very-hollywood-narcissist/

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

I contenuti di questo blog nascono nel Regno Unito dalla mente e dalla penna di HG Tudor, Narcisista Superiore Élite, che con l’aiuto dei suoi psichiatri ha deciso di svelare al pubblico cosa c’è nella sua mente. Due anni dopo la nascita ho scoperto per caso il blog di HG, dopo aver subito lo scarto da parte di Angelo Arcangeli, un Narcisista di Medio Rango Centrale, seguito da una feroce campagna diffamatoria, e ho iniziato a seguirlo trovando conferme e conforto nella lettura dei suoi articoli e, dato che possiedo una certificazione di inglese ESOL Proficiency e sono da sempre appassionata di lingue straniere, ho deciso di tradurre l’intero blog per mettere a disposizione delle altre vittime come me tutto questo prezioso materiale senza fini di lucro. Oggi a distanza di altri due anni il blog di HG Tudor è interamente tradotto, ed è nato un blog simile al suo con tutti gli articoli tradotti in italiano. È possibile inoltre usufruire dei servizi a pagamento messi a disposizione di HG Tudor come consulti e pacchetti di contenuti extra con un minimo contributo per la traduzione.

Rispondi